Autism friendly design
Centro per adulti autistici a Tirana
junik balisha
Il disturbo dello spettro autistico è una complessa condizione neuro-comportamentale dell’età evolutiva caratterizzata dalla compromissione qualitativa dell’interazione sociale, della comunicazione verbale e non verbale, dell’immaginazione e dalla presenza di interessi ed attività ristretti, stereotipati e ripetitivi. Le persone autistiche, con i loro comportamenti strani e di apparente rifiuto, sembra che cerchino l’isolamento, ma in realtà cercano disperatamente di liberarsi dalle loro prigioni interiori. Alla luce delle più recenti statistiche si può dire che l’autismo rappresenta un’emergenza sociale ed economica che la società non può più permettersi di trascurare. La carenza di servizi loro dedicati, d’altra parte, si traduce in un impegno e in un carico di sofferenza talvolta insopportabile per le famiglie. L’autismo è una condizione che dura tutta la vita, tuttavia le persone autistiche possono trarre vantaggi da terapie capaci di ridurre i sintomi ed elevare le capacità.
Junik Balisha. Architetto. Laureato nel 2016 con lode e dignità di pubblicazione presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze con la tesi: “Autism-Friendly Design”. Dal 2016 è dottorando in Architettura, XXXII ciclo (curriculum in Tecnologie dell’Architettura) e cultore della materia di discipline tecnologiche presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze. Collabora con l’Unità di Ricerca Interdipartimentale Florence Accessibility Lab. Si occupa di progettazione degli spazi per la salute e di progettazione urbana.

Junik Balisha. Is an architect. He graduated with honours in 2016 at the Department of Architecture of the University of Florence with a thesis entitled “Autism-Friendly Design”. Since 2016 he is studying to obtain a PhD in Architecture, XXXII cycle (Technologies of Architecture programme) and working as an assistant teacher in technological disciplines at the Department of Architecture of the University of Florence. He collaborates with the Interdepartmental Research Unity Florence Accessibility Lab. He is responsible for designing spaces for health and urban planning.
Back to Top